​LE NOVITÀ DEL C.D. “DECRETO AIUTI”

23 Mag 2022
da Gianfranco Ferrario

LE NOVITÀ DEL C.D. “DECRETO AIUTI”

Sono entrate in vigore il 18.5.2022 le novità del c.d. “Decreto Aiuti”, contenente “Misure urgenti in materia di politiche energetiche nazionali, produttività delle imprese e attrazione degli investimenti, nonché in materia di politiche sociali e di crisi ucraina”.

In particolare, sono previste le seguenti novità:

− aumento al 25% del credito d’imposta spettante alle imprese per l’acquisto di gas naturale consumato nel secondo trimestre 2022;

− aumento al 15% del credito d’imposta spettante per l’acquisto di energia elettrica a favore delle imprese “non energivore”;

− aumento al 28% del credito d’imposta spettante alle imprese di autotrasporto relativo al gasolio acquistato nel primo trimestre 2022;

− estensione agli acquisti del primo trimestre 2022 del credito d’imposta previsto a favore delle imprese a forte consumo di gas naturale (“gasivore”);

− previsione della cedibilità dei crediti edilizi a favore dei clienti professionali privati correntisti della banca; − aumento al 50% del credito d’imposta per investimenti in beni immateriali 4.0 effettuati nel periodo 1.1 - 31.12.2022;

− previsione di uno specifico fondo (€ 500 milioni) per il sostegno del potere d’acquisto dei lavoratori autonomi.

CESSIONE DEI CREDITI FISCALI: IL DECRETO AIUTI FARA’ RIPARTIRE GLI ACQUISTI DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI ?

Due sono le modifiche che il decreto Aiuti apporta alla disciplina della cessione dei crediti fiscali relativi a detrazioni: da un lato, consente agli intermediari finanziari di cedere i crediti acquistati dalle imprese o dai privati a un soggetto fuori dal circuito bancario senza dover effettuare obbligatoriamente i due passaggi previsti nell’ambito degli stessi intermediari finanziari e, dall’altro, indica che la cessione dei crediti fuori dal circuito bancario può essere effettuata solamente ai correntisti “professionali privati”. Queste modifiche consentiranno finalmente di far ripartire il mercato dei crediti fiscali?

Siamo arrivati alla sesta modifica della disciplina della cessione dei crediti fiscali legati alle detrazioni per lavori edili, dettata dall’art. 121, comma 1, del decreto Rilancio (D.L. n. 34/2020), in poco più di 5 mesi. L’ultima - prevista dal decreto Aiuti (art. 14, D.L. n. 50/2022, nella Gazzetta Ufficiale del 17 maggio 2022) - nella sostanza introduce la possibilità per gli intermediari finanziari di cedere i crediti acquisiti ai propri correntisti c.d. “professionali privati”, senza dover attendere le due cessioni possibili nell’ambito degli stessi intermediari finanziari. Innovazione che, tuttavia, vedrà sempre la sua efficacia solamente con riferimento alle prime cessioni effettuate a decorrere dal 1° maggio 2022 (cfr. art. 57, comma 3, D.L. n. 50/2022).