CONTRIBUTI A FONDO PERSO - DISTRETTO DEL COMMERCIO DI CASSANO MAGNAGO

22 Lug 2020
da Confcommercio Gallarate e Malpensa
Confcommercio Gallarate e Malpensa -  Notizie dall'Associazione

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE (MPMI) DEL COMMERCIO, DELLA RISTORAZIONE, DEL TERZIARIO E DELL'ARTIGIANATO

NELL'AMBITO DEL BANDO REGIONALE "DISTRETTI DEL COMMERCIO PER LA RICOSTRUZIONE ECONOMICA TERRITORIALE URBANA"

Il presente bando si rivolge alle Micro o Piccole Imprese e Medie Imprese che dispongano di una unità locale collocata all’interno dell’ambito territoriale del Comune di Cassano Magnago e che:

1. svolgano attività di ristorazione, somministrazione o vendita diretta al dettaglio di beni o servizi, 1.a) con vetrina su strada; 1.b) situata al piano terreno degli edifici

2. forniscano servizi tecnologici innovativi di logistica, trasporto e consegna a domicilio alle imprese del commercio, della ristorazione, del terziario e dell’artigianato, che coprano il territorio del Distretto del Commercio.

Sono ammissibili i seguenti Interventi:

• avvio di nuove attività del commercio, della ristorazione, del terziario e dell’artigianato all’interno di spazi sfitti o in disuso, anche sfruttando le possibilità di utilizzo temporaneo consentito dalla l.r. 18/2019, oppure subentro di un nuovo titolare presso una attività esistente, incluso il passaggio generazionale tra imprenditori della stessa famiglia;

• il rilancio di attività già esistenti del commercio, della ristorazione, del terziario e dell'artigianato;

• adeguamento strutturale, organizzativo e operativo dell’attività alle nuove esigenze di sicurezza e protezione della collettività e dei singoli consumatori (protezione dei lavoratori, mantenimento delle distanze di sicurezza, pulizia e sanificazione, differenziazione degli orari, ecc.);

• organizzazione dei servizi di logistica, trasporto e consegna a domicilio e di vendita online, come parte accessoria di un’altra attività o come attività autonoma di servizio alle imprese, con preferenza per l’utilizzo di sistemi e mezzi a basso impatto ambientale; Il soggetto richiedente dovrà indicare nella domanda di contributo, la tipologia degli interventi, l'importo presunto di spesa che intende realizzare, e descrivere brevemente gli interventi e/o le spese per le quali richiede il contributo.

Sono ammissibili le spese, per le quali, laddove richieste dalla norme di legge o da atti amministrativi comunali, sia stata presentata SCIA, CILA, CIL, comunicazione o sia stata rilasciata autorizzazione da parte degli uffici comunali competenti, e rientranti nel seguente elenco:

A. Spese in conto capitale:

• Opere edili private (ristrutturazione, ammodernamento dei locali, lavori su facciate ed esterni, vetrine, tende, dehors, tavoli e sedie, installazione di insegne di esercizio, chioschi per fiori ed edicole, compresa manodopera, sistemazione area di attesa esterna;installazione ed opere murarie strettamente connesse alla posa in opera delle attrezzature finanziabili ecc.) • Installazione o ammodernamento di impianti (lavori di manutenzione e ristrutturazione, per adeguamento o nuova realizzazione di impianti elettrici, di climatizzazione e/o riscaldamento, idrici o igienico sanitari, interventi in tema di risparmio energetico comunque secondo gli standard minimi di legge o di servizi fronte strada); • Arredi e strutture temporanee; • Investimenti per l’acquisto di attrezzature e arredamenti fissi specifici per l’attività volta; • Macchinari, attrezzature ed apparecchi, comprese le spese di installazione strettamente collegate; • Veicoli da destinare alla consegna a domicilio o all'erogazione di servizi comuni; • Realizzazione, acquisto o acquisizione tramite licenza pluriennale di software, piattaforme informatiche, applicazioni per smartphone, siti web ecc. e/o dispositivi elettronici per ecommerce e digital marketing; • Sviluppo di servizi alla clientela o al cittadino quali installazione di sistemi wi-fi gratuiti e vetrine interattive, anche interattive touch screen con affaccio sulla strada o piano terra; I beni dovranno essere nuovi, intestati e di proprietà dell’attività commerciale che presenta domanda.

B. Spese di parte corrente:

• Spese per studi ed analisi (indagini di mercato, consulenze strategiche, analisi statistiche, attività di monitoraggio ecc.); • Materiali per la protezione dei lavoratori e dei consumatori e per la pulizia e sanificazione dei locali e delle merci; • Canoni annuali per l'utilizzo di software, piattaforme informatiche, applicazioni per smartphone, siti web ecc.; • Spese per l'acquisizione di servizi di vendita online e consegna a domicilio; • Servizi per la pulizia e la sanificazione dei locali e delle merci; • Spese per eventi e animazione; • Spese di promozione, comunicazione e informazione ad imprese e consumatori (materiali cartacei, pubblicazioni e annunci sui mezzi di informazione, comunicazione sui social networks ecc.); • Formazione in tema di sicurezza e protezione di lavoratori e consumatori, comunicazione e marketing, tecnologie digitali; • Affitto dei locali per l'esercizio dell'attività di impresa.

Le agevolazioni concesse consistono in contributi in conto capitale rapportati alla spesa totale ammissibile, il contributo previsto è concesso come agevolazione a fondo perduto e non può essere superiore al 50% della spesa ammissibile totale (in conto capitale e di parte corrente) e in ogni caso non superiore all'importo delle spese in conto capitale. Il contributo, al netto di IVA, è concesso sino ad un massimo complessivo per singolo operatore di euro 5.000,00 e comunque non inferiore a 1.000,00 euro

Le domande possono già essere presentate e comunque entro e non oltre le ore 13.00 del giorno 16 ottobre 2020. Per la presentazione fa fede la data e l'ora di ricezione della PEC dell'ufficio protocollo del Comune di Cassano Magnago. Le domande pervenute oltre il termine previsto, sopra indicato, non verranno ammesse.

Per presentare la domanda, le imprese dovranno utilizzare esclusivamente la modulistica scaricabile in formato.odt dal sito del comune. La domanda dovrà essere, a pena di esclusione, debitamente compilata in ogni sua parte ed inviata a mezzo PEC al seguente indirizzo di posta elettronica certificata del Comune di Cassano Magnago: protocollo.comune.cassanomagnago@pec.regione.lombardia.it

Vi invitiamo a valutare e cogliere questa importante opportunità e Vi ricordiamo che i nostri Uffici sono a Vostra disposizione per informazioni.

Cordiali saluti.

Marco Introini

Vicepresidente Vicario - Confcommercio Gallarate e Malpensa

Per maggiori informazioni: https://cassanomagnago.trasparenza-valutazione-merito.it

Per contattare i nostri uffici: Dott.ssa Anna Ginelli